Vai menu di sezione

Un po' di storia

L’Unione dei Comuni dell’Alta Anaunia nasce a seguito dell’accordo tra i Comuni di Cavareno, Malosco, Romeno, Ronzone e Sarnonico.

Tali Comuni con deliberazioni del:

Consiglio comunale di Cavareno comunale n. 29 di data 4 novembre 2013

Consiglio comunale di Malosco n. 18 di data 4 novembre 2013

Consiglio comunale di Romeno n. 37 di data 5 novembre 2013,

Consiglio comunale di Ronzone n. 21 di data 31 ottobre  2013

Consiglio comunale di Sarnonico n. 34 di data 4 novembre 2013,

istituiscono, ai sensi dell'articolo 63 del T.U.LL.RR.O.C. approvato con D.P.Reg. 01.02.2005 n. 3/L modificato dal DPReg. 3 aprile 2013, n. 25, l'Unione dei Comuni di Cavareno, Malosco, Romeno, Ronzone, Sarnonico denominata Unione dei Comuni dell'Alta Anaunia con sede in Cavareno e approvano lo Statuto e l'Atto costitutivo dell'Unione stessa.

         In data 18 novembre 2013 - Raccolta atti privati n. 143 del Comune di Romeno - è stata  costituita a far data dal 19 novembre 2013  dai Comuni di Cavareno, Malosco, Romeno, Ronzone, Sarnonico, l’Unione dei Comuni sotto la denominazione "UNIONE DEI COMUNI DELL’ALTA ANAUNIA”.

         La Giunta Regionale, con deliberazione n. 218 di data 22 ottobre 2013, ha  ammesso il progetto di Unione ai finanziamenti di legge, ai sensi dell’articolo 42, comma 6, della L.R. n. 1/1993 e s.m.

         I Consigli comunali con le seguenti deliberazioni hanno stabilito di approvare la convenzione per trasferire le rispettive competenze all’Unione dei Comuni dell’Alta Anaunia:

-       Romeno:       deliberazione n. 25 di data 12 giugno 2014;

-       Cavareno:     deliberazione n. 13 di data 11 giugno 2014;

-       Sarnonico:    deliberazione n. 19 di data 13 giugno 2014;

-       Malosco:       deliberazione n. 10 di data 12 giugno 2014;

-       Ronzone        deliberazione n. 11 di data 12 giugno 2014;

I rapporti tra i Comuni e l’Unione circa il trasferimento delle competenze, sono regolati dalla convenzione sottoscritta da tutti i Sindaci e Presidente dell’Unione.

 

     La prima parte di questo documento detta le disposizioni generali riguardanti il trasferimento delle competenze: individuazione delle competenze, modalità del trasferimento, sede ed organizzazione dei servizi, individuazione delle risorse strumentali, regolamentazione dei rapporti giuridici in essere. In particolare sono definiti i rapporti economici e finanziari tra i Comuni e l’Unione.

     La percentuale di partecipazione alle spese dell’Unione da parte di ogni singolo Comune è la risultante del rapporto tra le spese correnti di ogni singolo Comune e il totale delle spese correnti di tutti i Comuni, riferite al triennio 2011-2012-2013, al netto delle entrate dello stesso periodo; entrate e spese corrispondente alle funzioni trasferite.

La seconda parte del documento disciplina le singole competenze trasferite, specificando per ciascuna di esse particolari modalità. Si evidenzia tra queste, la disciplina relativa al trasferimento del personale che viene messo a disposizione dell’Unione.

Alle deliberazioni consiliari è stato inoltre allegato un documento di carattere politico/programmatorio predisposto dai Sindaci dell’Unione, con quale si evidenziano le finalità  dell’Unione e la volontà di creare le condizioni per la formazione di un unico Comune denominato Altanaunia.

Il trasferimento delle competenze decorre dal 1° luglio 2014 e permane fino alla conclusione del processo che porterà alla fusione dei Comuni quale obiettivo finale.

Le competenze, con contestuale trasferimento delle connesse potestà amministrative, sono di seguito elencate:

A)   Segreteria comunale

B)   Gestione economica e giuridica del personale

C)   Gestione economica e finanziaria

D)   Gestione delle entrate tributarie e dei servizi fiscali

E)   Ufficio tecnico

F)    Anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio statistico

G)   Polizia locale

H)   Istruzione pubblica

I)    Attività culturali e/o gestione dei beni culturali

J)    Attività sportive e/o gestione delle strutture sportive

K)   Attività nel settore turistico

L)    Viabilità e circolazione stradale e servizi connessi

M)   Illuminazione pubblica

N)   Urbanistica e gestione del territorio

O)   Servizio idrico integrato

P)    Servizio smaltimento rifiuti

Q)   Parchi e servizi per la tutela ambientale e del verde

R)   Asili nido e servizi per l’infanzia e per i minori

S)   Servizio necroscopico e cimiteriale

T)    Servizi relativi al commercio

La quota di partecipazione alla copertura delle spese da parte dei Comuni dell’Unione (al netto dei contributi regionali incentivanti e di tutte le entrate proprie), è così riassunta:

Comune di Romeno 27,45%
Comune di Cavareno 23,31%
Comune di Sarnonico 21,23%
Comune di Ronzone 14,48%
Comune di Malosco 13,53%
Pagina pubblicata Giovedì, 17 Novembre 2016
torna all'inizio del contenuto